Stokksnes

In Islanda alla scoperta dei fiordi orientali

pubblicato in: News | 0

Solo poche decine di minuti d’auto separano Hõfn dal promontorio Stokksnes, meta ideale per trascorrere una mattinata piacevole esplorando le dune di sabbia nera con i picchi aguzzi delle montagne che si riflettono nel mare. Stokksnes è una delle migliori zone del Sud dell’Islanda dove avvistare le foche, e dove si trova anche la ricostruzione di un villaggio vichingo usato per varie riprese cinematografiche.

L’ingresso alla zona è a pagamento. Proseguendo lungo la Ring Road è tutto un susseguirsi di panorami con montagne che si gettano direttamente in mare e lunghe lingue di sabbia scura, separate dalla terra da una laguna, che sembrano galleggiare sull’acqua. I punti panoramici dove fermarsi lungo la strada non mancano: uno di questi è il faro a Hvalnes, che offre una bella visuale su tutta la zona.

Una volta giunti al villaggio di Djúpivogur potete scegliere di proseguire costeggiando i fiordi e imboccando la lunga strada che segue ondeggiando tutta la costa, oppure di prendere la scorciatoia che taglia nell’entroterra e che arriva direttamente a Egilsstaðir, cittadina più grande dell’Islanda orientale. Se avete scelto la seconda opzione sappiate che scorciatoia non significa necessariamente strada più comoda: la 939 è una strada sterrata che si inerpica ripidissima sulle montagne che circondano i fiordi orientali. Grande pendenza e grande panorama sul fiordo!

La meta è il villaggio di Seyðisfjörður; per raggiungerlo si sale e si ridiscende una montagna dove, in inverno, si può addirittura sciare. Merita una fermata la piccola cascata chiamata Gufufoss, che si origina da un torrente roboante e si tuffa poi nella valle, verso il mare. Seyðisfjörður è un piccolo villaggio sull’omonimo fiordo: la particolarità di questo posto sono le abitazioni colorate e decorate, al centro visitatori vi consegneranno una mappa per scovarle tutte. Molte di queste case sono state convertite in atelier: si tratta prevalentemente di costruzioni in legno del XIX secolo, portate fin qui come prefabbricati dalla Norvegia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *