Uno scorcio di Chiang Mai

Uno scorcio di Chiang Mai

postato in: News | 0

Chiang Mai è la città più grande del Nord della Thailandia, seconda in tutto il Paese soltanto a Bangkok; il suo nome significa “Città Nuova”, anche se ormai dalla sua fondazione sono passati oltre 700 anni (1296). Quello che caratterizza Chiang Mai oltre alla sua storia, nella quale non si può far a meno di imbattersi passeggiando per il centro, è un insieme di tradizioni e di culture diverse che si sono amalgamate tra di loro regalando un mix assolutamente unico. Chiang Mai è anche il punto di partenza ideale per esplorare il nord della Thailandia, tra trekking nelle foreste, rafting, o escursioni alla scoperta delle diverse minoranze etniche. I templi di maggior interesse della città si trovano all’interno del quartiere antico.

Wat Chedi Luang

Tipico esempio di stile lanna, il Wat Chedi Luang colpisce innanzitutto per la sua altezza di circa 60 metri, che in origine pare fossero anche di più, e per la sua struttura in mattoni rosa.
Inconfondibili i serpenti (naga) che scortano le scale situate nei quattro punti cardinali, e gli elefanti che adornano il lato Sud del tempio (quattro sono riproduzioni, solo uno è ancora l’originale).
Come tanti altri edifici di Chiang Mai anche questo tempio è stato in parte ristrutturato grazie a un progetto del Giappone in collaborazione con l’UNESCO.

Wat Chiang Man

Il tempio più antico della città, costruito in occasione della fondazione di Chiang Mai, custodisce due immagini sacre di Buddha: il Phra Sila Buddha, un Buddha di marmo sdraiato, scolpito presumibilmente in Sri Lanka più di mille anni fa, e il Buddha di cristallo, Phra Sae Tang Khamani Buddha, che viene tradizionalmente portato in processione in occasione del Songkran per la sua capacità di provocare la pioggia, per chi ci crede.

Wat Phra Singh

Semplicemente da non perdere, il complesso del Wat Phra Singh, anch’esso in stile Lanna, comprende più edifici, tra cui una biblioteca in teak e il Viharn Lai Kam, una piccola e bellissima cappella che al suo interno custodisce una delle effigi del Buddha di Phra Singh, anche conosciuto come “Lion Buddha”.
È molto venerato dai pellegrini, soprattutto in occasione del Songkran.

Lascia un commento